Un labirinto di quattro ettari che diventa magico di notte.

di Monica Del Mondo

Labirinto 2018. Gli animali della pianura friulana: la lepre, il macaone e il capriolo.

Labirinto 2018. Gli animali della pianura friulana: la lepre, il macaone e il capriolo.

L’esperienza è straniante, divertente, avventurosa, affascinante. Cambia con l’età, le condizioni meteo, l’ora in cui la si affronta. A garantire questa pluralità di emozioni è il labirinto nel mais che, anche quest’anno, è possibile visitare a Bagnaria Arsa, alla fattoria didattica La Selce, all’interno dell’azienda Agricola di Claudio Tosoratti e Pia Candussio.

Dal 2014 i titolari dell’azienda, assieme ai figli Fabio e Marta, ad amici e parenti, preparano ogni anno una nuova proposta, con nuove idee e nuovi percorsi. Ogni 12 mesi viene scelto un tema e amplificato con i percorsi, ma anche con quesiti e curiosità lungo il tragitto. In passato si è giocato con le forme geometriche della città di Palmanova, con i confini della regione e con le sue città. Lo scorso anno il tema del labirinto era incentrato sul mondo dell’agricoltura, mentre l’edizione 2018 si focalizza sugli animali presenti in Fvg. Tre le figure scelte: un capriolo, una lepre e una farfalla. Le tre immagini, che si percepiscono bene dall’alto, con l’utilizzo di un drone, sono state disegnate tagliando il percorso all’interno di un campo di mais. I disegni si snodano su un’area di circa quattro ettari e i corridoi tracciati sono lunghi complessivamente due chilometri, percorribili in circa un’ora e mezzo. Il labirinto può essere una sfida, magari in gara con amici, cogliendo gli stimoli e i suggerimenti che gli organizzatori hanno disseminato lungo il percorso sotto forma di aneddoti, curiosità, quiz. Ma può essere anche goduto come una passeggiata da affrontare senza punti di riferimento, lasciandosi volutamente disorientare dal verde delle piante e dall’azzurro del cielo. Il percorso è interessante di giorno, ma diventa un’emozione davvero insolita se affrontato di notte, con l’aiuto della luna e delle torce.

Il labirinto è infatti aperto tutti i giorni, dalle 9 alle 11 e dalle 17.30 alle 22.30. È gradita la prenotazione (333.1180020 o allo 0432.835543). Il labirinto resterà percorribile fino al momento della raccolta, in ottobre, nel pieno rispetto dei tempi dell’agricoltura.

La tradizione di quest’iniziativa è valsa (nel 2017) a Fabio Tosoratti uno degli Oscar Green del concorso indetto da Coldiretti Giovani Impresa.

13 Luglio 2018
Messaggero Veneto